Non basta attivare la piattaforma ecommerce per avere successo, è necessario pianificare un progetto supportato da un adeguato investimento.

Sentiamo spesso parlare di siti per il commercio elettronico che non raggiungono gli obiettivi. La vendita di prodotti e servizi attraverso la rete internet richiede impegno e competenza. Non basta essere bravi nel proprio lavoro, ma sopratutto conoscere bene la tecnologia, le potenzialità del mercato e la rete internet. Per questo motivo occorrono competenze diverse con esperti del settore perchè tutto possa funzionare bene.

Aprire un negozio on line che funziona richiede molto impegno e competenza, oltre ad adeguati investimenti.

Da dove cominciare

  • Ricerche di mercato per vedere se determinati prodotti sono richiesti;
  • Analizzare la concorrenza, i prezzi, e quant’altro possa essere necessario per avere le idee chiare;
  • Conoscere il tipo di clientela a cui ci si rivolge;
  • Pianificare l’investimento e controllare che sia sufficiente per raggiungere gli obiettivi prefissati (un investimento insufficiente potrebbe rendere l’e-commerce un flop);
  • Curare la parte grafica e funzionale del sito web, in modo da rendere facile, veloce e piacevole fare acquisti (sopratutto su smartphone e tablet);
  • Pubblicizzare l’e-commerce nei canali giusti e crearsi una buona reputazione su internet;
  • Proporre offerte irrinunciabili per attirare visitatori e clienti;
  • Con le prime vendite dimostrare alla clientela l’affidabilità e la serietà del negozio;
  • Fare in modo che il cliente ritorni con metodi di fidelizzazione;

Ci sono molte altre attività abbastanza ovvie da considerare, ad esempio, per vendere nel regno unito è meglio tradurre il negozio in lingua inglese e pubblicizzarsi su quel mercato.

Il rischio d’impresa anche qui è presente, sarà necessaria anche un po’ di fortuna, ma senza una buona programmazione, lei da sola non so se c’è la farà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *